martedì 7 luglio 2020

Pausa caffè

La lascio di nuovo raffreddare nella mia tazzina, perché non ho mai trovato particolarmente interessante, quella bevanda scura.
Essa è sempre stata per me puro sinonimo di relazionalità.
E così ti faccio compagnia mentre ci prendiamo una pausa (che altrove non ci sarebbe concessa),
Ma mi sorprendo a pensare che, quando torneremo al nostro consueto luogo d'incontro, certo non ci sarà alcun filtro (né quello della moka, ma nemmeno quello della comunicazione tra noi.
Comunicazione che, pur sapendo essere vera, comincio a temere che stia cominciando un po' troppo filtrata, appunto.
Mentre vorrei tanto poterti dimostrare che non ce ne sarebbe bisogno, perché con te voglio imparare ad accogliere tutto.

lunedì 6 luglio 2020

Storia di un bacio

Un bacio non s'improvvisa.
Un bacio deve avere una sua storia dietro di sé.
E non solo perché, banalmente, non si bacia chiunque, ma anche perché, se vuole essere ricordato per tutta la vita, ha bisogno di un'adeguata predisposizione del Cuore.

domenica 5 luglio 2020

Osservazione angolare

Leggo (e cerco di rispondere a) tutto ciò che scrive perché non voglio che il suo dolore rimbalzi contro il muro del fatti-coraggio- perché-tanto-piangere-non- risolve-nulla.
Chi sono io per essere sicura che le lacrime non servano a niente?
E poi che dire a quanti sostengono che il muro li protegge da una situazione che non saprebbero come essere utili?
A coloro i quali pongono tutte queste domande, consigliarei di cercare aiuto e, soprattutto, rimanere in un angolo ad assistere ai soccorsi.
Perché anche la semplice osservazione è indice di rispetto nei confronti del dolore altrui.

sabato 4 luglio 2020

Casa...tra le braccia

Ho bisogno di tornare a casa, o a casa ci sono già perché casa mia sono le tue braccia?
Domanda interessante, che segna il confine (invalicabile?) tra il voler bene e l'amare.
Ed ancora una volta, mi interroga su ciò che (non) siamo io e te.
Tu che non mi accoglierai (mai) tra le tue braccia, ma che vieni spesso a casa mia.
Mi vuoi bene?
Di certo vuoi che io stia meglio.
Ma da qui a dire che mi vuoi bene, ce ne corre...
Così come io mi sforzo di correre via dai miei sentimenti per te.

venerdì 3 luglio 2020

Padroni del tempo?

mio tempo che (ap)pare dilatato oltre misura dalla mancanza di un lavoro.
Eppure posso certo considerarmi fortunata ad aver avuto l'opportunità di mettere a frutto le mie passioni.
Certo, non sono una professione, ma richiedono comunque una certa costanza specie se si vuole mettere alla prova la propria passione facendola camminare su un sentiero già parzialmente tracciato.
Immersa in queste attività, vivo un tempo completamente completamente autogestito, in cui, però trova spazio anche il tempo donato all'incontro con gli Altri.
Infatti, più ci sentiamo padroni del nostro tempo e più esso scorre con una lentezza esasperante che ci rende prigionieri della nostra illusione di solitudine benefica.

giovedì 2 luglio 2020

Il colpo della lontananza

Avevo promosso a me stessa (ma, soprattutto, tacitamente anche a lei), che mi sarei limitata a leggere ciò che scriveva e a rispondere seguendo solo gli indizi che era disposta a dare al Mondo.
Ma stasera, presa da una sottile ma subdola apprensione per la sua serenità interiore, le ho posto una domanda ben precisa, come a voler dare corpo alle mie peggiori intuizioni.
Lo so, ho infranto una promessa; ma sentivo l'egoistico bisogno di scoprire se sarei stata capace di assorbire il colpo di una sua (eventuale) lontananza...

mercoledì 1 luglio 2020

Pubblico

Vorrei entrare nei tuoi pensieri mentre leggi di me, di te, di noi.
Certo, non posso obbligarti a leggere ciò che (ti) scrivo; ed è proprio questo sperare ma non sapere realmente che mi sprona a cercare parole sempre nuove, perché non si scrive se non figurandosi, davanti agli occhi, un pubblico di lettori.