giovedì 14 novembre 2019

Io e Frida

Cosa abbiamo in comune io e Frida Kahlo?
Certamente un corpo complicato.
Quanto alle nostre anime, posso dire che la mia lo è altrettanto.
Eppure, Frida sosteneva che, se imparassimo ad apprezzare maggiormente le Anime anziché i Corpi, il nostro concetto di Bellezza cambierebbe radicalmente.
Probabilmente aveva ragione.
Ma credo sarebbe difficile negare che un Corpo troppo difficile da gestire, spesso rischia di rendere problematico anche lo sguardo sereno sull'Anima dell'Altro.
Mi è già capitato d'incontrare persone (in particolare, uomini), che hanno conosciuto la mia Anima (non sta a me dire se sia stata in grado o meno, di mostrare loro la parte migliore di essa), ma che sicuramente non avrebbero gradito di conoscere il mio Corpo.
E poi ci sono le persone che si prendono cura del mio Corpo capriccioso, ma preferiscono prestare attenzione (solo?) alla parte più scanzonata della mia Anima ma che riescono a rendermi comunque felice.
Anche se lo fanno a modo loro.

mercoledì 13 novembre 2019

Gentilezza

Gentilezza.
Qualità tanto rara, da meritare persino una Giornata Internazionale.
Un giorno particolare durante il quale, magari, rivolgendosi con maggiore gentilezza a qualcuno, o forse, un'occasione per riflettere su quanto la gentilezza renda più ricche le nostre relazioni interpersonali.
A me piace pensare che questa sia anche un'occasione per festeggiati.
Tu che sei gentile con tutti coloro che incontri ogni giorno.
Ma, allo stesso tempo, lo sei in modo speciale e differente, a seconda della persona che ti sta di fronte in quel preciso momento.

martedì 12 novembre 2019

Vita ad episodi

È vero.
Da quando ci conosciamo, ti ho esortato a scrivere di te in più di un'occasione.
Poi tu stesso mi hai fatto notare che il libro richiede troppo tempo, per arrivare alla fine e così il lettore deve imparare a gestire il suo sentimento d'impazienza.
Pur adorando le storie di carta, mi sorprendo a pensare che hai ragione tu.
Ed allora ti chiedo di continuare a raccontarti a voce perché io non ho alcuna fretta di arrivare alla fine, anche se ho imparato ad attendere con pazienza, il prossimo episodio...

lunedì 11 novembre 2019

Viaggio alato

Potrei permettermi solo il viaggio alato, che farebbe da involucro protettivo a tutto il resto: ovvero un tempo da trascorrere sulla terraferma che sarebbe, come al solito, ricca di ostacoli insidiosi che, anche qualora non ferissero il mio fragile corpo, sicuramente renderebbero il viaggio emotivamente complicato.
Mentre sono perfettamente consapevole del fatto che mi farà bene contribuire al decollo degli altrui desideri.

domenica 10 novembre 2019

Aiuto al plurale

Aiuto, pur essendo un sostantivo singolare, chiede di essere pensato al plurale.
Innanzitutto perché, se siamo fortunati, abbiamo intorno a noi, più persone disponibili a tenderci la mano.
E, se così è, non sarebbe giusto aspettarci uguali modalità di aiuto da persone diverse.
Perché ognuno offre il proprio sostegno anche secondo in base alle risorse di cui lui stesso dispone.
L'aiuto quindi funziona davvero se anche la persona che riceve l'aiuto è disposta a mettersi in gioco.

sabato 9 novembre 2019

Il cerchio virtuoso

È la prima volta che mi ritrovo nel bel mezzo di un circolo virtuoso.
Quello che ho creato intorno a me, compiendo nuovamente le scelte che, ultimamente, mi hanno reso più felice.
Ma, trattandosi appunto di un cerchio, sarebbe fin troppo comodo pensare che ne sarò sempre circondata e, quindi, protetta.
Ma sono perfettamente consapevole del fatto che anche i cerchi si possono rompere, facendo così entrare tutto ciò che proviene dal Mondo esterno.
Ciò non vuol dire che mi io mi voglia ratrappire nel mio cerchio virtuoso, significa solamente che sto imparando a rafforzarne i contorni ogni giorno, non dando nulla per scontato.

venerdì 8 novembre 2019

L'impermeabile e l'ombrello

Sono dispiaciuta, ma non certo triste.
E come potrei esserlo?
Le nostre risate sono comunque arrivate al mio cuore anche questa volta.
È il mio corpo ad essere rimasto mio (e suo) malgrado impermeabile ad esse.
Ma del resto, anche oggi è stata una giornata di pioggia intensa e scrosciante.
Una giornata in cui, mi piace pensare, se avessi avuto più coraggio, avrei rinunciato ad aprire l'ombrello.
Lo stesso che, da tempo, rinunciato ad aprire sul mio cuore; al quale ho deciso di far vivere qualsiasi tipo di emozione, con qualunque condizione atmosferica.